CERCA
IT / EN
 
IO ARCHITETTO,n. 30 Gennaio 2010, pp. 1-2 Slow Architecture

“Architetto Frigerio, perché ha sentito il bisogno di redigere un manifesto e di scrivere un libro? L’avventura inizia nel 2005 quando mi sono chiesto perché gli architetti contemporanei avessero così scarsa propensione a dichiararsi, a dichiarare la propria identità, che è poi l’identità delle proprie idee. Pensavo fosse il caso di parlare. Di qui il primo libro, il libro-manifesto che segna l’inizio di un percorso che ha compreso una mostra itinerante (partita nel 2006, conclusasi nel 2008) grazie alla quale lo studio e il sottoscritto hanno avuto vari confronti in giro per l’Italia e per l’Europa. Secondo me questo è un punto importante: confrontarsi, mettersi in gioco in un contesto più ampio. “Slow architecture istruzioni per l’uso” non vuol essere né un manuale né un prontuario, ma una sorta di reagente. Parla di un’architettura progressiva che vive nel tempo e trae dal contesto le risorse per la sua definizione.”

 
© Frigerio Design Group - P.IVA 03267880106