CERCA
IT / EN
 
CORRIERE DELLA SERA, 20 giugno 2007, p. 19, Triennale: un’incontro sulla progettazione non “globale”, M. Vinelli

“Cibo e architettura ora sono entrambi «slow». Infatti, nell’ ambito della Festa per l’ architettura, domani alle 18.30 in Triennale si svolge un incontro dal titolo «Slow architecture: istruzioni per l’ uso» a cura dell’ architetto Enrico Frigerio”. “ Ma che cos’ è l’ architettura slow? «La definizione è nata in occasione dell’ uscita del nostro volume/manifesto “Slow architecture for living” – racconta Frigerio -. Si tratta di un’ architettura progressiva, che si sviluppa nel tempo e trae dal contesto le risorse per la sua definizione. Ed è antitetica alla globalizzazione». Come dire bando alle archistar che, mentre progettano un grattacielo in Cinalavorano anche a un museo in Usa e a un teatro in Russia. Con lo stesso stile global-tecnicistico, adatto a tutte le latitudini. Prosegue Frigerio: «Non bastano le soluzioni formali o tecnologiche, oggi un edificio dev’ essere sostenibile non solo sul piano ambientale ma anche economico, sociale e gestionale».”

 
© Frigerio Design Group - P.IVA 03267880106